Super Green PASS – Estensione del certificato verde a tutti i dipendenti pubblici.

Come visto, ed ancora si vedrà, il DL 52/2021 subisce diverse modifiche. L’articolo 1 del DL 127/21 infatti introduce l’articolo 9-quinquies, lo riporto per poi commentarlo

«Art. 9-quinquies (Impiego delle certificazioni verdi COVID-19 nel settore pubblico). – 1. Dal 15 ottobre 2021 e fino al 31 dicembre 2021, termine di cessazione dello stato di emergenza, al fine di prevenire la diffusione dell’infezione da SARS-CoV-2, al personale delle amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, al personale di cui all’articolo 3 del predetto decreto legislativo, al personale delle Autorita’ amministrative indipendenti, ivi comprese la Commissione nazionale per la societa’ e la borsa e la Commissione di vigilanza sui fondi pensione, della Banca d’Italia, nonche’ degli enti pubblici economici e degli organi di rilievo costituzionale, ai fini dell’accesso ai luoghi di lavoro, nell’ambito del territorio nazionale, in cui il predetto personale svolge l’attivita’ lavorativa, e’ fatto obbligo di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19 di cui all’articolo 9, comma 2. Resta fermo quanto previsto dagli articoli 9-ter, 9-ter.1 e 9-ter.2 del presente decreto e dagli articoli 4 e 4-bis del decreto-legge 1° aprile 2021, n. 44, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 maggio 2021, n. 76.

2. La disposizione di cui al comma 1 si applica altresi’ a tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attivita’ lavorativa o di formazione o di volontariato presso le amministrazioni di cui al comma 1, anche sulla base di contratti esterni.

3. Le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 non si applicano ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute.

4. I datori di lavoro del personale di cui al comma 1 sono tenuti a verificare il rispetto delle prescrizioni di cui ai commi 1 e 2. Per i lavoratori di cui al comma 2 la verifica sul rispetto delle prescrizioni di cui al comma 1, oltre che dai soggetti di cui al primo periodo, e’ effettuata anche dai rispettivi datori di lavoro.

5. I datori di lavoro di cui al comma 4, primo periodo, definiscono, entro il 15 ottobre 2021, le modalita’ operative per l’organizzazione delle verifiche di cui al comma 4, anche a campione, prevedendo prioritariamente, ove possibile, che tali controlli siano effettuati al momento dell’accesso ai luoghi di lavoro, e individuano con atto formale i soggetti incaricati dell’accertamento e della contestazione delle violazioni degli obblighi di cui ai commi 1 e 2. Le verifiche delle certificazioni verdi COVID-19 sono effettuate con le modalita’ indicate dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri adottato ai sensi dell’articolo 9, comma 10. Il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta dei Ministri per la pubblica amministrazione e della salute, puo’ adottare linee guida per la omogenea definizione delle modalita’ organizzative di cui al primo periodo. Per le regioni e gli enti locali le predette linee guida, ove adottate, sono definite d’intesa con la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

6. Il personale di cui al comma 1, nel caso in cui comunichi di non essere in possesso della certificazione verde COVID-19 o qualora risulti privo della predetta certificazione al momento dell’accesso al luogo di lavoro, al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori nel luogo di lavoro, e’ considerato assente ingiustificato fino alla presentazione della predetta certificazione e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2021, termine di cessazione dello stato di emergenza, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro. Per i giorni di assenza ingiustificata di cui al primo periodo non sono dovuti la retribuzione ne’ altro compenso o emolumento, comunque denominati.

7. L’accesso del personale ai luoghi di lavoro di cui al comma 1 in violazione degli obblighi di cui ai commi 1 e 2, e’ punito con la sanzione di cui al comma 8 e restano ferme le conseguenze disciplinari secondo i rispettivi ordinamenti di appartenenza.

8. In caso di violazione delle disposizioni di cui al comma 4, di mancata adozione delle misure organizzative di cui al comma 5 nel termine previsto, nonche’ per la violazione di cui al comma 7, si applica l’articolo 4, commi 1, 3, 5 e 9, del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 maggio 2020, n. 35. Resta fermo quanto previsto dall’articolo 2, comma 2-bis, del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74. Per le violazioni di cui al comma 7, la sanzione amministrativa prevista dal comma 1 del citato articolo 4 del decreto-legge n. 19 del 2020 e’ stabilita in euro da 600 a 1.500.

9. Le sanzioni di cui al comma 8 sono irrogate dal Prefetto. I soggetti incaricati dell’accertamento e della contestazione delle violazioni di cui al medesimo comma 8 trasmettono al Prefetto gli atti relativi alla violazione.

10. Al personale di cui al comma 1 dell’articolo 9-sexies, collocato fuori ruolo presso le amministrazioni di cui al comma 1, si applicano le disposizioni di cui al medesimo articolo 9-sexies, commi 2 e 3, fermo restando quanto previsto dal comma 8 del presente articolo.

11. Fermo restando quanto previsto al comma 12, ai soggetti titolari di cariche elettive o di cariche istituzionali di vertice, si applicano le disposizioni di cui ai commi 1, 3, 4, 5 e 8.

12. Gli organi costituzionali, ciascuno nell’ambito della propria autonomia, adeguano il proprio ordinamento alle disposizioni di cui al presente articolo.

13. Le amministrazioni di cui al comma 1, provvedono alle attivita’ di cui al presente articolo con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.».

E’ chiara la portata temporale del sistema dei controlli, ad oggi il termine finale è al 31/12/2021, chiaro anche il concetto ALLARGATO di dipendenti, per cui i controlli si applicheranno anche a professionisti, imprenditori, fornitori ( e dipendenti di questi) che svolgono attività, anche formative e seminariali all’interno della P.A., si veda il secondo comma.

Per quanto riguarda il controllo ai dipendenti dei fornitori (tutti quelli del secondo comma), l’onere della verifica spetta ai verificatori sia della PA che ai datori di lavoro privati (comma 4)

Le modalità di controllo sono demandate alle modalità operative emanate dal datore di lavoro, come chiaramente sancito dal comma 5.
Restando sul comma 5 è chiara la volontà di non ingessare l’attività amministrativa, visto l’uso dei “condizionali”, infatti i controlli dovrebbero essere fatti prima dell’ingresso od anche a campione.

L’articolo 1 del DL 127/2021 prevede la disciplina inoltre diverse casistiche proprie del D.Lgs 165/01, la parte sanzionatoria al comma 8 ed inoltre , classico dei classici, l’invarianza finanziaria al comma 13.

Operativamente si applicano le stesse procedure dell’articolo 9 ter (la gestione del GREEN PASS nelle istituzioni scolastiche), quindi restano fondamentale la conoscenza degli articoli 8 comma 5 e 13 del DPCM 13 06 2021.

Vi lascio un post specifico sul 9 ter del DL 52/2021

Solo l’informativa ex articolo 14 cambierà in quanto la fonte giuridica legittimante è da ricercarsi in un’altra norma.

Entro il 10 ottobre nell’area privata dedicata ad ogni ente troverete tutta la documentazione occorrente per la gestione GDPR.

Oiiii, devo ricordarvi che Elisa ed io restiamo sempre a disposizione per ogni dubbio ?

SISTEMA COVID 19 DEL MINISTERO dell’ISTRUZIONE

il Ministero ha emanato una circolare per la preparazione dell’integrazione dei DB del Ministero della Salute.

Premesso che questo sistema non esclude l’utilizzo dell’APP VerificaC19 nasce un piccolo problema operativo, il seguente :

  • L’app verificaC19 , è disciplinata dall’articolo 13 del DPCM 17/06/2021, e l’utilizzo è possibile da tutti i pubblici ufficiali (anche dai collaboratori scolastici  ,Corte d’Appello Perugia, 29/07/2011
  • Il sistema SIDI Verifica GP invece è utilizzabile solo dal DS, quindi si prevede una delega

Non escludo che i sindacati facciano opposizioni, in ogni caso ci sono gli estremi per una funzione aggiuntiva e compensi da distribuire.

Il sistema ha una modalità di funzionamento opposta a quello dell’APP, mi spiego.

APP VERIFICA C19.

Funzionamento additivo, c’è la presunzione che nessuno dei soggetti individuati dal DL 111/21 può entrare a scuola, infatti passa mostrando il Green PASS

SISTEMA SIDI

Funzionamento sottrattivo , tutti possono passare meno quelli che hanno il RED PASS .

Ovviamente i due sistemi sono legittimati dall’articolo 8 comma 5 del DPCM 17 06 2021.

E’ importante puntualizzare che l’uso dell’APP continua ad essere possibile senza delega ma solo con incarico, infatti l’articolo 13 è chiaro:

2. Alla verifica di cui al comma 1 sono deputati: 
    a) i pubblici ufficiali nell'esercizio delle relative funzioni; 
    b) il personale addetto ai servizi di controllo  delle  attivita'di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o  incpubblici esercizi, iscritto nell'elenco di cui all'art.   3,  comma  8,cdella legge 15 luglio 2009, n. 94; 
    c) i soggetti titolari delle strutture ricettive e  dei  pubblici esercizi  per  l'accesso  ai  quali  e'  prescritto  il  possesso  di certificazione verde COVID-19, nonche' i loro delegati; 
    d) il proprietario o il legittimo detentore di  luoghi  o  locali presso i quali si svolgono eventi  e  attivita'  per  partecipare  ai quali e' prescritto il possesso  di  certificazione  verde  COVID-19, nonche' i loro delegati; 
    e) i  vettori  aerei,  marittimi  e  terrestri,  nonche'  i  loro delegati; 
    f) i gestori delle strutture che erogano  prestazioni  sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali per l'accesso  alle  quali,  in qualita' di visitatori, sia prescritto il possesso di  certificazione verde COVID-19, nonche' i loro delegati. 
  3. I soggetti delegati di cui alle lettere c), d),  e)  ed  f)  del
comma 2 sono  incaricati  con  atto  formale  recante  le  necessarie
istruzioni sull'esercizio dell'attivita' di verifica. 

Si legge chiaramente che per i PUBBLICI UFFICIALI non esiste delega.

A ben vedere, comunque, nella circolare si parla di DELEGA del processo di accesso all’area SIDI (ad un assistente amministrativo presumibilmente) e non di delega di FUNZIONE (anche se poi il contenuto del documento è diverso)

Riporto un vecchio POST

Per quando riguarda la DELEGA (in realtà è una procura) è bello osservare che per definizione, anzi per ANTONOMASIA è un contratto unilaterale (1392 cc), quindi non occorre la firma del DELEGATO.

Diciamo che il MIN, anzi i DS avranno qualche problemino, a mio avviso risolvibile se la piattaforma non impone la DELEGA-PROCURA .

vi allego comunque l’informativa data dal ministero ed il modello di procura NON UNILATERALE.

Chi ha dei dubbi sulla qualità dei modelli del MINISTERO, può contattarmi , anche perchè ricordo che a fare i controlli non sarà il MINISTERO VOSTRO, ma il DFP ed il GPDP.

Interessante il video del MINISTERO.

Obiettivi di accessibilita’ ed OBBLIGHI di accessibilita’ – DUE ADEMPIMENTI DIVERSI-

Seconda scadenza per la pubblicazione delle dichiarazioni di accessibilità della legge 4/2004, la STANCA.

Vi lascio il tutorial e come sempre restiamo a vostra disposizione.

Discutiamo ed iniziamo ad adoperarci per gli OBBLIGHI sull’accessibilita’ , adempimento introdotto dal D.Lgs 106/18 e da effettuare senza perdere tempo, iniziamo ad allineare le scadenza, anche questo entro il 31/03.

Inizio col ricordare che e’ un adempimento che deve essere fatto dal RTD ( articolo 17 del CAD) , che riporto

Art. 17 ((Responsabile per la transizione digitale e difensore civico digitale))

1. Le pubbliche amministrazioni garantiscono l’attuazione delle linee strategiche per la riorganizzazione e la digitalizzazione dell’amministrazione definite dal Governo in coerenza con le ((Linee guida)). A tal fine, ((ciascuna pubblica amministrazione)) affida a un unico ufficio dirigenziale generale, fermo restando il numero complessivo di tali uffici, la transizione alla modalita’ operativa digitale e i conseguenti processi di riorganizzazione finalizzati alla realizzazione di un’amministrazione digitale e aperta, di servizi facilmente utilizzabili e di qualita’, attraverso una maggiore efficienza ed economicita’. Al suddetto ufficio sono inoltre attribuiti i compiti relativi a: a) coordinamento strategico dello sviluppo dei sistemi informativi, di telecomunicazione e fonia, in modo da assicurare anche la coerenza con gli standard tecnici e organizzativi comuni; b) indirizzo e coordinamento dello sviluppo dei servizi, sia interni che esterni, forniti dai sistemi informativi di telecomunicazione e fonia dell’amministrazione; c) indirizzo, pianificazione, coordinamento e monitoraggio della sicurezza informatica relativamente ai dati, ai sistemi e alle infrastrutture anche in relazione al sistema pubblico di connettivita’, nel rispetto delle regole tecniche di cui all’articolo 51, comma 1; d) accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici e promozione dell’accessibilita’ anche in attuazione di quanto previsto dalla legge 9 gennaio 2004, n. 4; e) analisi periodica della coerenza tra l’organizzazione dell’amministrazione e l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, al fine di migliorare la soddisfazione dell’utenza e la qualita’ dei servizi nonche’ di ridurre i tempi e i costi dell’azione amministrativa; f) cooperazione alla revisione della riorganizzazione dell’amministrazione ai fini di cui alla lettera e); g) indirizzo, coordinamento e monitoraggio della pianificazione prevista per lo sviluppo e la gestione dei sistemi informativi di telecomunicazione e fonia; h) progettazione e coordinamento delle iniziative rilevanti ai fini di una piu’ efficace erogazione di servizi in rete a cittadini e imprese mediante gli strumenti della cooperazione applicativa tra pubbliche amministrazioni, ivi inclusa la predisposizione e l’attuazione di accordi di servizio tra amministrazioni per la realizzazione e compartecipazione dei sistemi informativi cooperativi;(28) i) promozione delle iniziative attinenti l’attuazione delle direttive impartite dal Presidente del Consiglio dei Ministri o dal Ministro delegato per l’innovazione e le tecnologie; j) pianificazione e coordinamento del processo di diffusione, all’interno dell’amministrazione, dei sistemi di ((identita’ e domicilio digitale,)) posta elettronica, protocollo informatico, firma digitale o firma elettronica qualificata e mandato informatico, e delle norme in materia di accessibilita’ e fruibilita’ ((nonche’ del processo di integrazione e interoperabilita’ tra i sistemi e servizi dell’amministrazione e quello di cui all’articolo 64-bis)). ((j-bis) pianificazione e coordinamento degli acquisti di soluzioni e sistemi informatici, telematici e di telecomunicazione al fine di garantirne la compatibilita’ con gli obiettivi di attuazione dell’agenda digitale e, in particolare, con quelli stabiliti nel piano triennale di cui all’articolo 16, comma 1, lettera b).))

1-bis. Per lo svolgimento dei compiti di cui al comma 1, le Agenzie, le Forze armate, compresa l’Arma dei carabinieri e il Corpo delle capitanerie di porto, nonche’ i Corpi di polizia hanno facolta’ di individuare propri uffici senza incrementare il numero complessivo di quelli gia’ previsti nei rispettivi assetti organizzativi.

1-ter. Il responsabile dell’ufficio di cui al comma 1 e’ dotato di adeguate competenze tecnologiche, di informatica giuridica e manageriali e risponde, con riferimento ai compiti relativi alla transizione, alla modalita’ digitale direttamente all’organo di vertice politico.

((1-quater. E’ istituito presso l’AgID l’ufficio del difensore civico per il digitale, a cui e’ preposto un soggetto in possesso di adeguati requisiti di terzieta’, autonomia e imparzialita’. Chiunque puo’ presentare al difensore civico per il digitale, attraverso apposita area presente sul sito istituzionale dell’AgID, segnalazioni relative a presunte violazioni del presente Codice e di ogni altra norma in materia di digitalizzazione ed innovazione della pubblica amministrazione da parte dei soggetti di cui all’articolo 2, comma 2. Ricevuta la segnalazione, il difensore civico, se la ritiene fondata, invita il soggetto responsabile della violazione a porvi rimedio tempestivamente e comunque non oltre trenta giorni. Le decisioni del difensore civico sono pubblicate in un’apposita area del sito Internet istituzionale.)) Il difensore segnala le inadempienze all’ufficio competente per i procedimenti disciplinari ((di ciascuna amministrazione)).

1-quinquies. AgID pubblica sul proprio sito una guida di riepilogo dei diritti di cittadinanza digitali previsti dal presente Codice.

1-sexies. Nel rispetto della propria autonomia organizzativa, le pubbliche amministrazioni diverse dalle amministrazioni dello Stato individuano l’ufficio per il digitale di cui ((al comma)) 1 ((…)) tra quelli di livello dirigenziale oppure, ove ne siano privi, individuano un responsabile per il digitale tra le proprie posizioni apicali. In assenza del vertice politico, il responsabile dell’ufficio per il digitale di cui al comma 1 risponde direttamente a quello amministrativo dell’ente.

((1-septies. I soggetti di cui al comma 1-sexies possono esercitare le funzioni di cui al medesimo comma anche in forma associata.))

Come gia’ detto diverse volte, l’inaccessibilità non deve essere solo del sito web, ma anche dei documenti ( e delle postazioni di lavoro ), è quando un documento e’ pubblicato in forma non accessibile non produce effetti dall’origine, non ci credete ?…aspe’

vi riporto il primo comma dell’articolo 32 della L. 69/09 ( ALBO PRETORIO ON LINE )

1. A far data dal 1° gennaio 2010, gli obblighi di pubblicazione di atti e provvedimenti amministrativi aventi effetto di pubblicita’ legale si intendono assolti con la pubblicazione nei propri siti informatici da parte delle amministrazioni e degli enti pubblici obbligati. ((La pubblicazione e’ effettuata nel rispetto dei principi di eguaglianza e di non discriminazione, applicando i requisiti tecnici di accessibilita’ di cui all’articolo 11 della legge 9 gennaio 2004, n. 4. La mancata pubblicazione nei termini di cui al periodo precedente e’ altresi’ rilevante ai fini della misurazione e della valutazione della performance individuale dei dirigenti responsabili)).

e l’articolo 23 ter comma 5 bis del CAD

5-bis. I documenti di cui al presente articolo devono essere fruibili indipendentemente dalla condizione di disabilita’ personale, applicando i criteri di accessibilita’ definiti dai requisiti tecnici di cui all’articolo 11 della legge 9 gennaio 2004, n.

Altre aspetti normativi importanti riguardano l’obbligo della formazione sui temi dell’accessibilita’ e sul codice dell’amministrazione digitale.

Art. 13. Formazione informatica dei dipendenti pubblici 1. Le pubbliche amministrazioni ((, nell’ambito delle risorse finanziarie disponibili, attuano politiche di reclutamento e)) formazione del personale finalizzate alla conoscenza e all’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nonche’ dei temi relativi all’accessibilita’ e alle tecnologie assistive, ai sensi dell’articolo 8 della legge 9 gennaio 2004, n. 4. 1-bis. Le politiche di formazione di cui al comma 1 sono altresi’ volte allo sviluppo delle competenze tecnologiche, di informatica giuridica e manageriali dei dirigenti, per la transizione alla modalita’ operativa digitale.

e poi segnatamente per l’accessibilita’ l’articolo 8 della L. 4/2004

Art. 8. (Formazione) 1. Le amministrazioni di cui all’articolo 3, comma 1, nell’ambito delle attivita’ di cui al comma 4 dell’articolo 7 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, nonche’ dei corsi di formazione organizzati dalla Scuola superiore della pubblica amministrazione, e nell’ambito delle attivita’ per l’alfabetizzazione informatica dei pubblici dipendenti di cui all’articolo 27, comma 8, lettera g), della legge 16 gennaio 2003, n. 3, inseriscono tra le materie di studio a carattere fondamentale le problematiche relative all’accessibilita’ e alle tecnologie assistive. 2. La formazione professionale di cui al comma 1 e’ effettuata con tecnologie accessibili. 3. Le amministrazioni di cui all’articolo 3, comma 1, nell’ambito delle disponibilita’ di bilancio, predispongono corsi di aggiornamento professionale sull’accessibilita’ ((, ivi inclusi quelli relativi alle modalita’ di creazione, gestione ed aggiornamento di contenuti accessibili dei siti web e delle applicazioni mobili)).

e poi non chiamatemi PETULANTE ma vi riporto la norma sugli obblighi dei dirigenti all’utilizzazione del CAD, articolo 12 del D.lgs 82/05

Art. 12 Norme generali per l’uso delle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni nell’azione amministrativa

1. Le pubbliche amministrazioni nell’organizzare autonomamente la propria attivita’ utilizzano le tecnologie dell’informazione e della comunicazione per la realizzazione degli obiettivi di efficienza, efficacia, economicita’, imparzialita’, trasparenza, semplificazione e partecipazione nel rispetto dei principi di uguaglianza e di non discriminazione, nonche’ per l’effettivo riconoscimento dei diritti dei cittadini e delle imprese di cui al presente Codice in conformita’ agli obiettivi indicati nel Piano triennale per l’informatica nella pubblica amministrazione di cui all’articolo 14-bis, comma 2, lettera b).

1-bis. Gli organi di Governo nell’esercizio delle funzioni di indirizzo politico ed in particolare nell’emanazione delle direttive generali per l’attivita’ amministrativa e per la gestione ai sensi del comma 1 dell’articolo 14 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e le amministrazioni pubbliche nella redazione del piano di performance di cui all’articolo 10 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, dettano disposizioni per l’attuazione delle disposizioni del presente Codice.

1-ter. I dirigenti rispondono dell’osservanza ed attuazione delle disposizioni di cui al presente Codice ai sensi e nei limiti degli articoli 21 e 55 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ferme restando le eventuali responsabilita’ penali, civili e contabili previste dalle norme vigenti. L’attuazione delle disposizioni del presente Codice e’ comunque rilevante ai fini della misurazione e valutazione della performance organizzativa ed individuale dei dirigenti.

2. Le pubbliche amministrazioni utilizzano, nei rapporti interni, in quelli con altre amministrazioni e con i privati, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, garantendo l’interoperabilita’ dei sistemi e l’integrazione dei processi di servizio fra le diverse amministrazioni nel rispetto delle ((Linee guida)). (28)

3. Le pubbliche amministrazioni operano per assicurare l’uniformita’ e la graduale integrazione delle modalita’ di interazione degli utenti con i servizi informatici , ivi comprese le reti di telefonia fissa e mobile in tutte le loro articolazioni, da esse erogati, qualunque sia il canale di erogazione, nel rispetto della autonomia e della specificita’ di ciascun erogatore di servizi.

3-bis. I soggetti di cui all’articolo 2, comma 2, favoriscono l’uso da parte dei lavoratori di dispositivi elettronici personali o, se di proprieta’ dei predetti soggetti, personalizzabili, al fine di ottimizzare la prestazione lavorativa, nel rispetto delle condizioni di sicurezza nell’utilizzo.

4. COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 26 AGOSTO 2016, N. 179. 5. COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 26 AGOSTO 2016, N. 179. 5-bis. COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 26 AGOSTO 2016, N. 179.

Ora veniamo a noi e parliamo degli obblighi di ACCESSIBILITA’ del D.lgs 106/18.

Prima cosa, avete nominato l’RTD ?

Se non l’avete nominato non possiamo iniziare. Avete qualche dubbio ?

Andate in IndicePa.gov.it e cliccate su elenco uffici

Se vi appare da

NOMESEDESERVIZI
Ufficio per la transizione al Digitaleda_indicare – 00100 Roma (RM)Servizi OffertiServizi di Fatturazione ElettronicaNodo Smistamento Ordini
Uff_eFatturaPAVia Quattro Novembre, 119 A – 00187 Roma (RM)Servizi OffertiNodo Smistamento Ordini

in corrispondenza di Ufficio per la transizione al digitale “da_indicare-00100 ROMA (RM) dovete sbrigarvi a fare un atto di nomina ed aggiornare l’indicepa.

A dirla tutta ,vedere che la Citta’ Metropolitana di Roma Capitale e’ inadempiente mi sconforta, anzi no!!!! mi inorgoglisce perche’ tanti piccoli COMUNELLI BELLI ed altre piccole PA sono ADEMPIENTI e rispettano la legge.

Ricordo che dopo la circolare dell’ex ministro BONGIORNO , i RTD devono essere interni ( od a scavalco ) e non possono essere esterni. Il professionista esterno potra’ invece essere da supporto al RTD.

Ora, data per scontata la nomina RTD dobbiamo AUTOVALUTARCI utilizzando l’allegato 2 alle LLGG sull’accessibilita’ .

L’allegato sembra chiedere informazioni ridondanti, in realta’ i requisiti di accessibilita’ sono richiesti per diversi asset analizzati, contenuto web, applicazioni mobili , documenti non web ( attenzione : pdf, video, audio ed altri media pubblicati sul web rientrano tra il contenuto NON WEB)

Questa AUTOVALUTAZIONE, da fare come sempre ONESTAMENTE, senza bluffare ci servira’ per compilare il questionario.
Tuttavia qualora si fosse abituati ad utilizzare altri strumenti di VALUTAZIONE dell’accessibilita’ basta avere dei report da conservare con le evidenze della validazione.

Accediamo al questionario puntando il browser su form.agid.gov.it , apparira’ la schermata iniziale

Inseriamo il nome dell’ente od il codice ipa ….

…il sistema ci chiede se possediamo gia’ la chiave di accesso.

Una volta avuta la chiave( che viene recapitata all’indirizzo mail dell’RTD comunicato all’IPA) si presente il gestionale vero e proprio.

Ovviamente clicchiamo su Compila nuova dichiarazione e si apre l’applicativo, analizziamolo.

Occorre inserire il nome del sito ( COMUNELLOBELLO) e l’url completo di http o https ( preferibilmente per il GDPR )

e poi inserire lo standard di riferimento , WCAG 2.0 oppure WCAG 2.1, per il momento non cambia nulla, dipende dallo strumento utilizzato dall’esaminatore .

Scorrendo abbiamo

Selezionando parzialmente conforme o non conforme si abilita l’area CONTENUTI NON ACCESSIBILI.

Per maggiore chiarezza vi riporto le didascalie :

CONFORME

PARZIALMENTE CONFORME

NON CONFORME

AH!, dimenticavo, non lasciatevi spaventare dalla dicitura “Contenuti in ottemperanza alla Decisione di esecuzione UE 2018/1523“, e’ solo la forma del documento di accessibilita’ EUROPEO.

per quanto riguarda le motivazioni di non accessibilita’

e’ chiaro a tutti quando non risponde alla legge Stanca ( 4/2004) , per gli oneri SPROPORZIONATI, non abbiamo discrezionalita’, troviamo indicazioni nella novellata legge stanca all’articolo 3 ter comma2

2. Per onere sproporzionato si intende  un  onere  organizzativo  o
finanziario eccessivo per i soggetti erogatori ovvero  un  onere  che
pregiudica  la  capacita'  degli  stessi  di  adempiere  allo   scopo
prefissato o di pubblicare le informazioni  necessarie  o  pertinenti
per i compiti e servizi, pur tenendo conto del probabile beneficio  o
pregiudizio che ne deriverebbe per i cittadini e, in particolare, per
le persone con disabilita'. Non possono costituire, di  per  se',  un
onere sproporzionato i tempi occorrenti per sviluppare i siti web  ed
applicazioni mobili ovvero la necessita' di acquisire le informazioni
occorrenti per garantire il rispetto degli  obblighi  previsti  dalla
presente legge e dalle linee guida. 

Invece per ” il contenuto non rientra nell’ambito della legislazione applicabile “… occorre cercare deroghe alla norma o casi organizzativi ( ad esempio l’applicativo web based che gira sullo smartphone del notificatore )

Ora, sempre scorrendo, passiamo ad alcune notizie richieste per la dichiarazione di accessibilita’

Questa sezione e’ di facile compilazione, almeno per i primi due punti, occorre PALLINARE sulla modalita’ di valutazione ( interna od esterna ) e dire se e’ stato utilizzato l’allegato 2 delle LLGG come guida per la compilazione .

Ora la grande novita’, i controllori addosso ,o meglio il meccanismo di feedback, in estrema sintesi un link ( da inserire ) dove c’e’ un form di contatto per il feedback e le comunicazioni verso il RTD ( che come abbiamo visto nell’articolo 17 diviene responsabile dell’accessibilita’)

Scorrendo ancora troviamo la SEZIONE 2, informazioni richieste da AGID

Qui andiamo ad inserire la data di apertura del sito ( o del rinnovo profondo, o dello svecchiamento ) , dichiariamo de sono stati effettuati test di usabilita’ ( che fin quando non saranno obbligatori, o meglio sanzionabili ) sconsiglio di fare per la difficolta che comporta , comunque e’ importante ricordare che ACCESSIBILITA’ ed USABILITA’ sono cose diverse .

Poi ci chiede il CMS di base utilizzato tra

Se non conoscete questa informazione torna utile lo strumento https://whatcms.org

Fosse per me DRUPAL per tutta la vita, ma sono scelte personali.

Avviamoci verso la fine e vediamo le informazioni sulla struttura ( della PA )

Qui niente da dire, si compila con molta semplicita’ , l’unica nota che puo’ spaventare e’ la richiesta del responsabile del processo di integrazione, figura disciplinata dall’articolo 39 ter del D.lgs 165/01, vi riporto solo il primo comma, se rientrate nell’obbligo approfondirete da soli

Articolo 39-ter 
(( (Responsabile  dei  processi  di  inserimento  delle  persone  con
                          disabilita'). )) 
 
  ((1. Al fine di garantire un'efficace integrazione nell'ambiente di
lavoro delle persone con disabilita',  le  amministrazioni  pubbliche
con piu' di 200 dipendenti, senza  nuovi  o  maggiori  oneri  per  la
finanza pubblica e nell'ambito delle  risorse  umane,  finanziarie  e
strumentali  disponibili  a   legislazione   vigente,   nominano   un
responsabile dei processi di inserimento. 

Compilato questo salvate la bozza, rivedete un pochetto le notizie che avete messo poi rendete definitivo il documento ed avrete nell’email del RTD il link da inserire nel footer del sito ed in Amministrazione trasparente , altri contenuti, accessibilita…

Stessa sorte di pubblicazione anche per il feedback.

Ora mi avvio verso la chiusura ricordando che i miei clienti , possono fare richiesta ed avere l’adempimento fatto da me e poi ricordate due cosi importanti , anzi essenziali :

L’accessibilita’ deve essere prevista sin dai momenti precontrattuali come elemento indispensabile , quindi il RUP deve interagire con il RTD e poi non giocate sull’onere sproporzionato, non regge.

Gia’ sapete, resto a disposizione.

vi lascio anche il post tecnico con i dettagli delle voci e con gli allegati richiamati.

In CAMPANIA GREEN PASS ANCHE PER ESPERTI E CONSULENTI nelle SCUOLE

IL Governatore De LUCA con il chiarimento n.3 del 3 Settembre applica in maniera estensiva i controlli del DL 52/21.

Di conseguenza il controllo Green Pass si estende a tutti gli avventori della scuola (anche professionisti, consulenti, esperti) .

Allego il chiarimento

Ricordo che il chiarimento non ha nessuna portata giuridica, ma restiamo in attesa e sintonizzati.

Autunno rovente per gli enti locali, ISTAT ed ELEZIONI

Come sempre per gli EE.LL. tante cose da fare, vi lascio due vecchi post per la gestione delle elezioni amministrative ( solo per Comuni con almeno 15000 abitanti, art 1 c.14 L 3/2019)

e sulla gestione del GDPR per la rilevazioni ISTAT

Ovviamente resto a disposizione per qualsiasi dubbio.

Primi problemi con GREEN PASS (O RED PASS). GESTIAMOLI.

Premesso come piu’ volte detto e scritto che non può esserci un registro dei VERDI (trattamento illecito perchè superfluo) vediamo come gestire i RED PASS.

La liceità del RED PASS è da ricercare negli obblighi di vigilanza (non solo sanitaria, ma anche erariale ed amministrativa) dei Dirigenti Scolastici , tanto è vero che l’articolo 9 ter del DL 51/2021, introdotto dall’articolo 1 del DL 111/21, al comma 2 considera il non accesso dovuto al GREEN PASS assenza INGIUSTIFICATA.

“ART. 9-ter (Impiego delle certificazioni verdi COVID-19 in ambito scolastico e universitario)

1. Dal 1° settembre 2021 e fino al 31 dicembre 2021, termine di cessazione dello stato di emergenza, al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione in presenza del servizio essenziale di istruzione, tutto il personale scolastico del sistema nazionale di istruzione e universitario, nonche’ gli studenti universitari, devono possedere e sono tenuti a esibire la certificazione verde COVID-19 di cui all’articolo 9, comma 2.
2. Il mancato rispetto delle disposizioni di cui al comma 1 da parte del personale scolastico e di quello universitario e’ considerato assenza ingiustificata e a decorrere dal quinto giorno di assenza il rapporto di lavoro e’ sospeso e non sono dovuti la retribuzione ne’ altro compenso o emolumento, comunque denominato.

Vediamo i casi in cui c’è il GREEN PASS :

  • Vaccinazione: i dati delle somministrazioni vengono trasmessi quotidianamente, si stima quindi un’attesa massima di un paio di giorni per generare la Certificazione. Nei casi di prima o unica dose, secondo il tipo di vaccino, l’emissione avverrà dopo 15 giorni, e durerà, ad oggi 9 mesi ( si passerà a 12 mesi), salvo revoca
  • Test negativo: la trasmissione dei dati richiede poche ore, la generazione della Certificazione avverrà nella giornata, durerà solo 48 ore
  • Guarigione da Covid-19: la trasmissione dei dati richiede poche ore, la generazione della Certificazione avverrà massimo nella giornata successiva, durerà sei mesi(forse 9…)

Per maggiore trasparenza vi riporto le FAQ 3 e 6 del sistema DCV

Detto questo arriviamo alle dolenti note (come se queste fossero belle) :

Il comma 5 dell’articolo 9 ter del DL 51/2021 prevede delle sanzioni rimandando all’articolo 4 del DL 19/20

Art. 4 DL 19/20
Sanzioni e controlli
1. Salvo che il fatto costituisca reato, il mancato rispetto delle misure di contenimento di cui all’articolo 1, comma 2, individuate e applicate con i provvedimenti adottati ((ai sensi dell’articolo 2, commi 1 e 2,)) ovvero dell’articolo 3, e’ punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 400 a ((euro 1.000)) e non si applicano le sanzioni contravvenzionali previste dall’articolo 650 del codice penale o da ogni altra disposizione di legge attributiva di poteri per ragioni di sanita’, di cui all’articolo 3, comma 3. Se il mancato rispetto delle predette misure avviene mediante l’utilizzo di un veicolo ((la sanzione prevista dal primo periodo e’ aumentata)) fino a un terzo.

MA soprattutto occorre la vigilanza sui RED PASS, quindi consiglio l’annotazione da parte dei verificatori e di comunicare al Dirigente Scolastico il tipo di RED PASS prodotto dall’applicativo VerificaC19 ed il nominativo del soggetto . Sarà il DS a far partire il procedimento di controllo sull’assenza ingiustificata.

La modulistica e la procedura sarà scelta di volta in volta dal DS in funzione dell’organizzazione e dell’architettura amministrativa, magari chiedendo anche un parere scritto al DPO.

La cosa più difficile da gestire ? I rapporti con i sindacati, che giustamente a causa di malfunzionamenti dell’APP o del SISTEMA NORMATIVO avranno tanto da ridire.

Quali strumenti abbiamo per gestire le urgenze derivanti dal cattivo funzionamento di questo farraginoso sistema ?

Sappiamo che non possiamo chiedere informazioni sanitarie ai dipendenti perchè ci sarebbe una lesione della riservatezza, quindi o ci tuteliamo non facendoli entrare od il dipendente, nelle more dell’allineamento del sistema DCV (che he dei tempi tecnici e qualche imprevisto) , può ostentare le pezze d’appoggio o la certificazione del medico dichiarando però che viene fatto ai sensi dell’articolo 9 paragrafo 2 lettera e) del REG. 2016/679, vediamo questa norma.

PARTIAMO dal primo paragrafo, i divieti :

Articolo 9

Trattamento di categorie particolari di dati personali

1.   È vietato trattare dati personali che rivelino l’origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l’appartenenza sindacale, nonché trattare dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all’orientamento sessuale della persona.

sembrerebbe non esserci scampo, ma il paragrafo 2 (copiosissimo) gestisce le eccezioni, in particolare :

2.   Il paragrafo 1 non si applica se si verifica uno dei seguenti casi:

e)il trattamento riguarda dati personali resi manifestamente pubblici dall’interessato;

E’ evidente che questa procedura rappresenta l’estrema ratio da utilizzare solo in caso di forti diritti contrastanti e dove “un falso ” illecito è da imputare al malfunzionamento del sistema .

Vorrei però attenzionare il certificato di vaccinazione rilasciato evidenziando che la somministrazione della prima dose non produce gli effetti se non dopo il 12 giorno (infatti anche in piattaforma passano 14 giorni), quindi l’ostentazione del certificato della prima dose (o dell’unica dose) con data inferiore ai 14 giorni in nessun caso può essere accettata, a corroborare questa procedura è l’Istituto Superiore della sanità che riporta un parere scientifico a questo URL

In allegato un modello snello per appuntare gli eventi in exce e word