MODELLO DIFFERIMENTO DPCM 03/12/13

Questo modello (ALLEGATO)  è da utilizzare solo per chi ancora non si è adeguato al DPCM.

Si ricorda che in forza della legge che disciplina il protocollo di ogni PA, a partire dal giorno 12/10 u.s. ogni atto prodotto è inefficace.

 

PER LA CONSULENZA :

https://www.rtd.cloud/deprisco/archivio-circolari/circolari-isa-e-pa-dal-01092011/item/216-offerta-per-la-predisposizione-del-modello-dpcm-031213–solo-pa-piccole-dimensioni

 

 

 

modellodifferimento.docx

Inizio obbligo del DPCM 03/12/13.

Per le PA che ancora non sono completamente adeguate alla norma  consiglio di fare proprio il testo di sotto e di inizire il procedimento di adeguamento.

  • Visto l’ordinamento  interno
  • Vista l’istanza ex art 7 D.Lgs 165/01 ove si richiedono le manifestazioni a candidarsi come
  • Visto l’articolo 3 del DPCM 03/12/13 e l’articolo 50 del DPR 445/00
  • Visto l’articolo 6 comma 3 del DPCM 03/12/13

 

 

Questa Pubblica amministrazione ha iniziato un percorso di adeguamento all’attuazione definitiva del CAD anche emanando un bando / RICHIEDENDO manifestazioni d’interesse per l’individuazione di professionalità capaci di :

  • Elaborare i dati contemplati nella norma
  • Conservare a norma le informazioni ( anche quelle dell’articolo 7 del ricorrente DPCM )

Quindi viste le le norma sopra elencate e la complessità  di attuazione dell’articolo 8 del DPCM , anche al fine di allineare la numerazione protocollare a partire dal 01/01/2016 ( cft art 57 DPR 445/00) si differiscono o  gli adempimenti al PRIMO GENNAIO P.V. pur avendo avviato tutte le procedure prodromiche.

 

Il rappresentante legale della PA