tipoblog

prova blog

vari

c.a. Dott. Vincenzo De Prisco

 

 

 

————————– Messaggio originale —————————

Oggetto: R: C.I.G.  e materliale di consumo

Da:      “Compagnoni Attilio” <attilio.compagnoni@istruzione.it>

Data:    Mar, 1 Febbraio 2011 10:51 am

A:       ————————————————————————–

 

Il CIG è dovuto per ogni acquisto, di qualsiasi cifra, sottoposto a bando di gara. Per le scuole, tutti gli acquisti superiori ai 2000 euro.

 

____________

Attilio Compagnoni

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV – Programmazione e gestione dei fondi strutturali europei e nazionali per lo sviluppo e la coesione sociale Viale Trastevere 76/A

00153 Roma

tel. 0658492630

fax 0699332877

 

logo ambiente

Rispetta l’ambiente.

Non stampare questa mail se non è strettamente necessario

 

 

—–Messaggio originale—–

Da: naee22200n@istruzione.it [mailto:naee22200n@istruzione.it]

Inviato: lunedì 31 gennaio 2011 12.20

A: Compagnoni Attilio; Paola Ebranati; Sensi Tonino

Oggetto: C.I.G. e materliale di consumo

Priorità: Alta

 

gentile dottore

nell’ambito di un PON FSE, per l’acquisto di materiale di consumo è necessario munirsi di C.I.G.?

 

 

 

 

CHIARIMENTI e DUBBI CIG

chiarimenti e dubbi perenni CIG

RICHIESTA CUP

B4.Quando è obbligatorio richiedere il codice CUP?
La richiesta del codice CUP è obbligatoria a prescindere dall’importo e dalla natura della spesa (corrente o in conto capitale), per un “Progetto di investimento pubblico” (articolo 11, legge n. 3/2003), ovvero quando si sia in presenza di un complesso di azioni e/o strumenti di sostegno, relativi ad un medesimo quadro economico di spesa, tra di loro collegati da quattro elementi imprescindibili:
• la presenza di un decisore pubblico;
• la previsione di un finanziamento, anche non prevalente, diretto o indiretto, tramite risorse pubbliche;
• la presenza di un obiettivo di sviluppo economico e sociale comune alle azioni e/o agli strumenti di sostegno predetti;
• la previsione di un termine entro il quale debba essere raggiunto l’obiettivo.

PROBLEMATICA CIG  —– IMPORTO PROCEDURE———–

L’articolo cardine del Regolamento contabile dice :

Art. 34
(Procedura ordinaria di contrattazione)

1. Per la attività di contrattazione riguardanti acquisti, appalti e forniture il cui valore complessivo ecceda il limite di spesa di EURO 2000 oppure il limite preventivamente fissato dal Consiglio d’istituto, quando non risulti altrimenti disposto dalle norme di cui al capo secondo del presente titolo, il dirigente procede alla scelta del contraente, previa comparazione delle offerte di almeno tre ditte direttamente interpellate. Resta salvo, comunque, quanto previsto dal comma 5.
2. L’invito a presentare un’offerta deve contenere, oltre ai criteri di aggiudicazione, l’esatta indicazione delle prestazioni contrattuali, nonché i termini e le modalità di esecuzione e di pagamento.
3. L’osservanza dell’obbligo di cui al presente articolo è esclusa quando non sia possibile acquisire da altri operatori il medesimo bene sul mercato di riferimento dell’Istituto.
4. E’ sempre possibile il ricorso alle procedure di gara disciplinate dalle norme generali di contabilità dello Stato.
5. Le istituzioni scolastiche sono tenute ad osservare le norme dell’Unione Europea in materia di appalti e/o forniture di beni e servizi
.
6. Le funzioni di ufficiale rogante, per la stipula degli atti che richiedono la forma pubblica, sono esercitate dal direttore o da funzionario appositamente da lui delegato.

….nella quotidianità l’ISA opera fuori dal codice dei contratti, ma è sempre possibile fare ricorso alle norme ordinarie o quando sussistono gli obblighi (sovra –soglia) è obbligata a rifarsi al codice dei contratti (capitolo sovranazionale) (comma 4 e 5)

Ora analizziamo il DL 187/10 che è indirizzato a chi è sottoposto alla disciplina del codice degli appalti ed a chi in opzione vi aderisce.

…In considerazione del fatto che la normativa in esame ha finalità antimafia e che la normativa antimafia trova applicazione generalizzata ai contratti pubblici, sono tenuti all’osservanza degli obblighi di tracciabilità tutti i soggetti obbligati all’applicazione del Codice dei contratti pubblici… [FAQ AVCP a commento della conversione DL 187/10 e determinazioni 8 – 10]