Il responsabile alla transizione digitale nella PA.

Riporto il primo comma dell’articolo 17 del D.gs 82/2005 come modificato dal D.lgs 179/16, ricordando che a breve ci saranno ulteriori modifiche al CAD.
1. Le pubbliche amministrazioni garantiscono l’attuazione delle linee strategiche per la riorganizzazione e la digitalizzazione dell’amministrazione definite dal Governo in coerenza con le regole tecniche di cui all’articolo 71. A tal fine, ciascuno dei predetti soggetti affida a un unico ufficio dirigenziale generale, fermo restando il numero complessivo di tali uffici, la transizione alla modalita’ operativa digitale e i conseguenti processi di riorganizzazione finalizzati alla realizzazione di un’amministrazione digitale e aperta, di servizi facilmente utilizzabili e di qualita’, attraverso una maggiore efficienza ed economicita’. Al suddetto ufficio sono inoltre attribuiti i compiti relativi a:))
a) coordinamento strategico dello sviluppo dei sistemi informativi, di telecomunicazione e fonia, in modo da assicurare anche la coerenza con gli standard tecnici e organizzativi comuni;
b) indirizzo e coordinamento dello sviluppo dei servizi, sia interni che esterni, forniti dai sistemi informativi di telecomunicazione e fonia dell’amministrazione;
c) indirizzo, pianificazione, coordinamento e monitoraggio della sicurezza informatica relativamente ai dati, ai sistemi e alle infrastrutture anche in relazione al sistema pubblico di connettivita’, nel rispetto delle regole tecniche di cui all’articolo 51, comma 1;
d) accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici e promozione dell’accessibilita’ anche in attuazione di quanto previsto dalla legge 9 gennaio 2004, n. 4;
e) analisi ((periodica)) della coerenza tra l’organizzazione dell’amministrazione e l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, al fine di migliorare la soddisfazione dell’utenza e la qualita’ dei servizi nonche’ di ridurre i tempi e i costi dell’azione amministrativa;
f) cooperazione alla revisione della riorganizzazione dell’amministrazione ai fini di cui alla lettera e);
g) indirizzo, coordinamento e monitoraggio della pianificazione prevista per lo sviluppo e la gestione dei sistemi informativi di telecomunicazione e fonia;
h) progettazione e coordinamento delle iniziative rilevanti ai fini di una piu’ efficace erogazione di servizi in rete a cittadini e imprese mediante gli strumenti della cooperazione applicativa tra pubbliche amministrazioni, ivi inclusa la predisposizione e l’attuazione di accordi di servizio tra amministrazioni per la realizzazione e compartecipazione dei sistemi informativi cooperativi;((28))
i) promozione delle iniziative attinenti l’attuazione delle direttive impartite dal Presidente del Consiglio dei Ministri o dal Ministro delegato per l’innovazione e le tecnologie;
j) pianificazione e coordinamento del processo di diffusione, all’interno dell’amministrazione, dei sistemi di posta elettronica, protocollo informatico, firma digitale ((o firma elettronica qualificata)) e mandato informatico, e delle norme in materia di accessibilita’ e fruibilita’.
Questa figura può degenerare con quella del DPO ai sensi dell’articolo 37 del Reg UE/2016/679 e  diviene strategica per tutto l’impianto normativo che avremo nei prossimi cinque anni, infatti si ricorda che è onere del responsabile alla transizione digitale redigere il Piano AGid 2/2017 sulla sicurezza informatica.
Inoltre  a partire da fine Novembre 2017 le PPAA avranno a disposizione un applicativo sull’IndicePA per la creazione e publicizzazione dell’ “Ufficio per la transizione al Digitale”.
Buon Lavoro.

Una buona notizia

La recente sentenza del TAR Veneto, Venezia, sez. III, n. 973/2017 , sembra finalmente far chiarezza su quel pasticciaccio che è rappresentato dal combinato art 77 comma 4 del D.lgs 50/16, la delibera 1007/2017 ANAC e la Vecchia LLGG sul RUP.

Il Responsabile Unico de Procedimento può far parte della commissione salvo che non sia manifestamente incompatibile .

Sappiamo tutti che stiamo trattando una neverending story , ma soprattutto per le  piccole PP.AA questa è certamente una bella notizia.

 

 

Linee guida ANAC sul RUP .

Il RUP, come deliberato con n. 1007/2017  (LG3/2017 ANAC) può essere designato anche quando mancante di alcuni requisiti che verranno prestati da altri soggetti, nei fatti siamo al cospetto di un avvalimento del RUP.

Prtaicamente il RUP sarà ora una sorta di staff e non più una persona singola. Solo quando all’interno della PA non ci sono nemmeno tra i cc.dd. ausiliari dei requisiti si può ipotizzare la possibilità dell’esternalizzazione della funzione.

 

Prossimi incontri per le scuole, date e info

Spett.li D.s. e D.s.g.a.

Vista l’imminenza delle scadenze Agid e la necessità di verificare lo stato dei fatti,

Visti gli aggiornamenti vari,

Sono in calendario tre incontri formativi ai quali vi invitiamo a partecipare, in base alle reti o prossimità territoriali:

  • Venerdì 17 Novembre, ore 9.30, presso il Secondo Circolo Didattico di Gragnano, via Vittorio Veneto, 18
  • Martedì 21 Novembre, ore 9.30, presso l’I.C. 3° Castaldi Rodari di Boscoreale, via Marchesa
  • Giovedì 23 Novembre, ore 10.00, presso l’I.C. Eduardo De Filippo di Poggiomarino, via XXV Aprile, 10

E’ gradita la presenza, oltre che dei D.s. e dei D.s.g.a., dei Responsabili per la Transizione Digitale.

Cordialmente

Elisa Carotenuto e Vincenzo De Prisco

Controlli Equitalia a partire da € 5000.00

L’articolo 82 del DDL per la legge di Bilancio 2018 modifica la norma contenuta nel 48 BIS del DPR 602/73, quindi i valori introdotti dal DM 40/2008 vengono dimezzati.

Operativamente a partire dal 01/03/2018 i controlli per le inadempienze dei fornitori di lavori, beni e servizi della PA verranno eseguiti a partire da € 5000.

Prepariamoci in tempo riscrivendo i processi interni di liquidazione e pagamento

Pagamenti informatici della PA.

E’ importante ricordare che il CAD. le lineee guida sui pagamenti informatici ed il piano triennale danno come scadenza quella del 31/12/2017 per l’abilitazione al nodo SPC-PAGOPA .
stralcio articolo 5 del D.Lgs 82/05
Art. 5 (Effettuazione di pagamenti con modalita’ informatiche).
((1. I soggetti di cui all’articolo 2, comma 2, sono obbligati ad accettare, tramite la piattaforma di cui al comma 2, i pagamenti spettanti a qualsiasi titolo attraverso sistemi di pagamento elettronico, ivi inclusi, per i micro-pagamenti, quelli basati sull’uso del credito telefonico. Resta ferma la possibilita’ di accettare anche altre forme di pagamento elettronico, senza discriminazione in relazione allo schema di pagamento abilitato per ciascuna tipologia di strumento di pagamento elettronico come definita ai sensi dell’articolo 2, punti 33), 34) e 35) del regolamento UE 2015/751 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2015 relativo alle commissioni interbancarie sulle operazioni di pagamento basate su carta.))
((2. Al fine di dare attuazione al comma 1, l’AgID mette a disposizione, attraverso il Sistema pubblico di connettivita’, una piattaforma tecnologica per l’interconnessione e l’interoperabilita’ tra le pubbliche amministrazioni e i prestatori di servizi di pagamento abilitati, al fine di assicurare, attraverso gli strumenti di cui all’articolo 64, l’autenticazione dei soggetti interessati all’operazione in tutta la gestione del processo di pagamento.))
La piattaforma abilitante prevede un terzo soggetto ( il prestatore di servizi di pagamento ) che dietro contratto di servizi gestisce gli incassi della PA abilitata al PAGO PA mediante la procedura AGID.
Il servizio PagoPA è ulteriormente richiamato a livello normativo nell’articolo 15 comma 5 bil del DL 179/12 ( crescita del paese ), che riporto ,
5-bis. Per il conseguimento degli obiettivi di razionalizzazione e contenimento della spesa pubblica in materia informatica ed al fine di garantire omogeneita’ di offerta ed elevati livelli di sicurezza, le amministrazioni pubbliche devono avvalersi per le attivita’ di incasso e pagamento della piattaforma tecnologica di cui all’articolo 81, comma 2-bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e delle piattaforme di incasso e pagamento dei prestatori di servizi di pagamento abilitati ai sensi dell’articolo 5, comma 3, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n.82.
Dal tenore della norma è evidente che l’obbligo della PA è contrapposto al diritto dei privati di poter pagare le obbligazioni ( qualsiasi ) con gli strumenti elettronici, tanto è vero che la PA non può mettere in mora il debitore se non si è dotato del SPC PAgoPA.
Il servizio di pagamento deve avere i seguenti elementi minimi :
a) Denominazione ente creditore
b) ID univoco debitore
c) Importo
d) ID univoco di versamento
e) Scadenza ( eventuale),
inoltre deve liberare immediatamente il debitore con amplia quietanza ( esempio di pagamento eseguito l’ultimo giorno), accettare tutti i tipi di pagamento , pagamenti in credito od in debito di plastica, moneta elettronica, borsellino elettronico, SEPA, mobile payment etc. e deve indicare sin dall’inizio il costo massimo dell’operazione.